Tronchetto della felicità – segreti e benefici per il benessere della casa

Tronchetto della felicità – segreti e benefici per il benessere della casa

Tronchetto della felicità: origini e diffusione

tronchetto della felicitàTronchetto della felicità, nome con cui sono comunemente conosciute diverse specie di Dracaena (o Dracena), è una pianta subtropicale appartenente alla famiglia delle Asparagaceae. È senza dubbio una delle piante d’appartamento più diffuse e apprezzate, ma il suo habitat naturale include il territorio dell’Africa tropicale, dalla Sierra Leone ad ovest fino all’Etiopia a nord-est e al Malawi a sud-est. Tuttavia, essendo facile da coltivare anche all’interno, data la poca manutenzione richiesta, e avendo delle foglie molto belle, dalle diverse colorazioni, che riescono ad abbinarsi alle tipologie più diverse di arredamento, è una pianta molto amata e diffusa anche tra gli amanti di un angolo verde in casa.

Che significato ha il tronchetto della felicità?

Il tronchetto della felicità deve il suo nome a quella che sembra sia la sua capacità di portare gioia e serenità negli ambienti domestici. Si ritiene che la sua presenza possa ridurre lo stress, l’ansia e la tristezza. Inoltre, è una pianta apprezzata per la sua capacità di assorbire anidride carbonica ed emettere ossigeno, contribuendo così a purificare l’aria circostante e renderla più salubre e respirabile. 

Quanta acqua vuole il tronchetto della felicità?

Per mantenere la specie rigogliosa, è fondamentale prestare particolare attenzione all’irrigazione della dracena durante il periodo vegetativo. È necessario bagnare la pianta con frequenza, evitando l’accumulo di acqua stagnante nel terriccio. Sarebbe consigliabile lasciare asciugare completamente i primi due centimetri di terriccio prima di ripetere l’irrigazione. È possibile anche idratare la pianta immergendo il vaso fino al bordo in una bacinella due volte al mese. Successivamente, è importante garantire che l’acqua venga drenata correttamente. Occasionalmente, l’esposizione alla pioggia può portare benefici alla pianta, pulendo le foglie in profondità e rimuovendo le impurità dagli stomi. Durante i periodi di riposo vegetativo, è necessario ridurre l’apporto di acqua, aspettando che il terreno sia asciutto per metà della sua altezza prima di procedere con l’irrigazione.

Dove si tiene il tronchetto della felicità?

tronchetto della felicitàDi origine tropicale, si adatta in modo spontaneo nelle foreste umide sia africane sia asiatiche. Si tratta di una pianta sempreverde con un tronco che in natura cresce fino a raggiungere 6 metri in altezza, anche se coltivate non supera i 3 metri. Una delle sue peculiarità sono i suoi steli molto lunghi e nudi che presentano alla sommità foglie coriacee lineari o lanceolate. Inoltre, se in natura, questa pianta produce dei fiori lunghi fino a 50 cm e dal profumo intenso e dolciastro. Esistono numerose cultivar (sembra che ci siano una quarantina di specie diverse!) di tronchetto della felicità. Le più diffuse, come la Dracena marginata e la Dracaena fragrans, tollerano anche posizioni più ombreggiate, ma ciò ne comporta una crescita più lenta e il colore meno vivace delle caratteristiche foglie nastriformi.

Come tenere la dracena in casa?

Il tronchetto della felicità è considerato principalmente una pianta da interni, in quanto può sopportare temperature minime di circa 12°C. Di conseguenza, la coltivazione all’esterno è consigliabile solo nelle regioni più calde, preferibilmente nelle aree meridionali, e durante i mesi invernali è necessario proteggerlo con una copertura. Proprio per questo, sarebbe preferibile mantenerla a una temperatura costante tra i 18 °C e i 21°C, in modo da ottenere una crescita massima. Al contempo, per favorirne il benessere si richiede un ambiente particolarmente umido. Infatti, un’aria troppo secca soprattutto nei periodi molto caldi può provocare foglie secche come anche gli steli. Per aiutare la pianta al meglio, sarebbe bene vaporizzare dell’acqua sulle foglie più volte al giorno o bagnare il pavimento intorno al tronchetto della felicità.

Come si cura il tronchetto della felicità in vaso?

Si consiglia di posizionare il vaso del tronchetto della felicità in un ambiente luminoso. Sarebbe finanche opportuno selezionare una stanza con esposizione a Sud o a Ovest e dalle ampie finestre, evitando però l’esposizione diretta al sole, soprattutto durante i mesi più caldi dell’anno. Durante i mesi da maggio a settembre, è possibile spostare i vasi all’esterno, su balconi o in giardino. In questo caso, per prevenire scottature solari, è preferibile riparare le piante con delle tende di colore chiaro, specialmente nelle ore più calde della giornata, assicurandosi sempre che la posizione scelta offra luce filtrata attraverso fogliame sottile. È consigliabile ruotare il vaso ogni 15 giorni per favorire una crescita uniforme della pianta.

Tronchetto della felicità potatura

Non è necessario potare questa pianta poiché la sua crescita è molto lenta. Tuttavia, è possibile ricorrere alla potatura se si desidera ottenere un esemplare più compatto e cespuglioso. In questo caso, è consigliabile tagliare uno degli steli a circa 10 cm dalla base e applicare del mastice apposito sulla ferita. Questo trattamento stimolerà la formazione di nuove gemme laterali e, di conseguenza, nuove ramificazioni entro due mesi. Tuttavia, le foglie danneggiate dovrebbero essere rimosse alla base il prima possibile. In casi estremi, l’intera pianta può essere “rinnovata”, tagliandola a 10 centimetri da terra. La cima e tutto il fusto tagliato a pezzi lunghi tra i 10 cm e i 15 cm possono essere usati come talee da piantare in primavera.

Malattie e parassiti

concime complessoTra i parassiti più comuni che colpiscono il tronchetto della felicità troviamo il ragnetto rosso, la cocciniglia e varie malattie fungine che possono danneggiare sia le radici che le foglie della pianta. È possibile rimuovere manualmente la cocciniglia, mentre per prevenire gli acari, è importante mantenere un’alta umidità ambientale ed evitare esposizioni troppo calde. Per scoraggiare l’attacco dei parassiti, si consiglia l’uso di FullBIO, la cui formulazione dalle capacità adesivanti è in grado di incentivare l’auto-difesa della pianta. 

prodotti anticocciniglia

Invece, in caso di malattie fungine,  Even Green è l’ideale per rendere la pianta più resistente alle forme di stress.

Perché la Dracena fa le foglie gialle?

Quando il tronchetto della felicità adulto perde le foglie più basse, ricorda quasi l’aspetto di una palma. In questo caso l’ingiallimento, la perdita del verde brillante e il successivo appassimento e caduta delle foglie nella parte inferiore del fusto sono fenomeni completamente naturali. Tuttavia, se questo processo coinvolge anche le foglie più giovani, indica la presenza di uno stress di qualche tipo. Innanzitutto, bisogna individuare la causa, che potrebbe ad esempio essere la mancanza d’acqua per periodi eccessivamente lunghi o un ambiente troppo caldo e asciutto. 

Cosa fare quando le foglie del tronchetto della felicità diventano gialle?

concime piante verdiSe le cause sono queste, occorre controllare che non vi siano fonti di calore troppo vicine alla pianta che tendono a rendere l’aria piuttosto secca e asciutta, come una stufa. A questo punto si rende necessario razionalizzare l’apporto d’acqua e procedere con irrigazioni non eccessive, in inverno addirittura il terreno può essere tenuto piuttosto asciutto, continuando però a spruzzare il fogliame ogni due-tre giorni. In questi casi, spostare la pianta in un ambiente umido almeno nella prima fase critica può aiutare a recuperare il vigore perso. In primavera, nel periodo successivo al rinvaso della pianta, questa può essere trasferita all’aperto, mentre d’estate conviene che sia riparata dai raggi diretti del sole ed è consigliabile ricominciare con le concimazioni. Doctor Bioges raccomanda l’uso di VerdeOK, concime per piante verdi idrosolubile, dal rapido assorbimento e perfetto per una crescita equilibrata e rigogliosa delle piante d’appartamento.

 


Se hai domande o hai bisogno di ulteriori informazioni, il team di Bioges è sempre pronto ad assisterti. Puoi contattarci direttamente in chat, sui social network o inviando un’e-mail all’indirizzo info@bioges.it.


Resta sempre aggiornato con le nostre ultime news sul giardinaggio

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.