Come prendersi cura della Zamioculcas in casa e in giardino?

Come prendersi cura della Zamioculcas in casa e in giardino?

Zamioculcas: la pianta di Padre Pio perfetta per dare un tocco di esotico al tuo giardino

zamioculcasLa Zamioculcas è la pianta tropicale appartenente alla famiglia delle Zamiaceae, originaria delle regioni tropicali e subtropicali delle Americhe, delle Indie occidentali e dell’America centrale e meridionale. La zamioculcas è una succulenta perfetta per trasformare il giardino in un’oasi tropicale. Con le sue foglie lucide e coriacee ed il portamento elegante, questa pianta esotica può aggiungere un tocco di fascino tropicale a qualsiasi spazio verde. Se desideri sempre godere della sua bellezza, è opportuno fornire alla zamia le giuste cure e attenzioni, nonché un’adeguata concimazione. Segui i consigli di Doctor Bioges per una zamia sempre sana e rigogliosa.

 

Perché si chiama la pianta di Padre Pio?

La Zamioculcas è una pianta che occupava un posto speciale nel cuore di  Padre Pio. Il noto santo cattolico, trascorreva molto tempo nel giardino del convento. Egli, infatti,  coltivava e amava prendersi cura delle  piante, ed in particolare della Zamia. Per  San Pio di Pietrelcina, il giardino era un luogo in cui trovava pace e conforto. Questa pianta è stata associata alla sua figura, per le sue caratteristiche di resistenza e perseveranza. Come la Zamia, che cresce forte e rigogliosa anche in condizioni avverse, anche Padre Pio nel corso della sua vita terrena ha dovuto affrontare varie avversità. Infatti, il Santo di Pietrelcina è stato un esempio di straordinaria forza interiore e fede incrollabile, nonostante le varie avversità che ha dovuto affrontare.

Come curare la Zamioculcas in casa?

La Zamioculcas è una pianta robusta che richiede cure minime. Di seguito alcuni consigli di Doctor Bioges  per prenderti cura della Zamioculcas in casa ed in giardino.

Dove posizionare la Zamia?

Per questa pianta è opportuno trovare un luogo luminoso ma con luce indiretta. Evita, dunque, l’esposizione diretta alla luce solare intensa, che potrebbe bruciare le foglie. La pianta, tuttavia, riesce ad adattarsi a diverse condizioni di illuminazione. In particolare, se collocata in uno spazio buio, le foglie diventeranno di colore verde scuro. Inoltre, il luogo in cui essa è collocata, oltre ad offrire determinate condizioni di illuminazioni, deve essere ben arieggiato. In giardino, è opportuno soddisfare le stesse condizioni, e cioè collocarla in un luogo in cui riceva principalmente luce filtrata o penombra.

Temperatura

La Zamioculcas essendo una pianta tropicale ama le temperature calde. Queste devono essere comprese tra 18 e 25°C. Pertanto, il clima che c’è normalmente in casa  durante il periodo invernale è ottimale per questa pianta. Evita di collocarla in prossimità di fonti di calore come termosifoni o stufe. Non ama le basse temperature, quindi la temperatura non dovrebbe mai scendere al di sotto dei 18°C. Questa pianta può essere coltivata anche in giardino, a condizione che  il clima sia  mite e non si verificano gelate. 

Come innaffiare la zamia?

Come innaffiare la zamia?La Zamioculcas è una pianta succulenta in grado di sopportare anche  periodi di siccità. In particolare, la Zamia è una pianta che si caratterizza  per delle foglie carnose usate come serbatoio per l’acqua. Dunque, anche se ci si dimentica di irrigarla, questa non patirà molto. Tuttavia, assicurati sempre di mantenere la pianta moderatamente umida, evitando ristagni d’acqua, che possono causare marciume radicale. Inoltre, i ristagni d’acqua possono causare l’ingiallimento delle foglie. Spesso può capitare che si innaffia troppo abbondantemente. In questo caso, fai asciugare bene il substrato e procedi ad effettuare una nuova irrigazione solo quando è quasi completamente asciutto. Viceversa se il terriccio è troppo asciutto se non secco, è probabile che la pianta perda le foglie superiori.

Come si pota la Zamioculcas?

Questa pianta non richiede delle potature regolari. Tale operazione deve essere praticata per rimuovere eventuali foglie gialle, secche o danneggiate. In tal modo si favorisce una crescita sana della pianta. Inoltre, si consiglia di potare la Zamia per migliorare l’aspetto e controllare il suo volume. Infatti, se il vaso o lo spazio in cui è collocata è diventato troppo piccolo, si consiglia di rimuovere le foglie più vecchie e lunghe. Durante la potatura è opportuno utilizzare delle forbici pulite e affilate, facendo attenzione a non danneggiare le parti sane della pianta. Dopo la potatura, rimuovi sempre tutti i residui dal terreno al fine evitare l’innesco di patologie fungine che possono compromettere la salute della pianta.

Come si propaga la Zamioculcas?

zamia taleaDiversi sono i metodi propagazione della Zamioculcas. Qualunque metodo si intenda seguire, bisogna sempre assicurare che le nuove piante abbiano un ambiente caldo umido. Tali condizioni, infatti, favoriscono lo sviluppo delle radici. Questa pianta, dunque, può essere propagata attraverso la divisione dei rizomi. Una volta rimossa la pianta dal vaso, separa  delicatamente i rizomi.  In particolare, ogni divisione deve avere almeno uno o due rizomi e alcune foglie. Dopo procedi a piantare i ogni divisione in un nuovo vaso con del terriccio fresco.  Altro metodo è quella per talea.  In questo caso, procedi a tagliare una foglia o uno stelo di circa 5-10 centimetri di lunghezza. Lascialo asciugare per alcune ore per formare una sorta di callo sulla parte tagliata. Dopo procedi a  piantare la talea in un terreno umido e aspetta che radici e nuove foglie si sviluppino. Successivamente, è possibile trattarle come quelle già adulte.

Perché la zamioculcas ingiallisce?

La Zamioculcas può ingiallire per diverse ragioni. Dunque, è importante identificare la causa specifica per poter intervenire adeguatamente. Un’eccessiva irrigazione della pianta può causare l’ingiallimento fogliare. Il terreno deve essere moderatamente umido evitando i ristagni d’acqua che possono causare anche il marciume radicale. L’esposizione a troppa luce, soprattutto nelle ore più calde della giornata, può essere causa di ingiallimento e bruciatura delle foglie. La pianta, coltivata sia in casa che in giardino, deve essere collocata in un luogo dove riceve luce solare filtrata o penombra. Infine, anche un’eccessiva fertilizzazione può danneggiare le radici della pianta, e causare l’ ingiallimento delle foglie. Allo stesso tempo, una carenza di micro e macro nutrienti può provocare lo stesso sintomo. Assicurati, dunque,  di fornire un fertilizzante appositamente formulato per le piante succulente.

Quando fiorisce la Zamioculcas?

La Zamioculcas, fiorisce da metà estate all’inizio dell’autunno. I suoi fiori sono di color giallo-marrone o bronzei e fanno la loro comparsa solo se pianta è coltivata in maniera ottimale. Infatti, per promuovere la fioritura della Zamioculcas, è necessario creare  condizioni ambientali che imitino il suo habitat naturale, esposte nei paragrafi precedenti. Inoltre, è opportuno, fornire anche un concime per piante grasse e succulente con una buona percentuale di fosforo che aiuta a stimolare la fioritura.

Quando si concima la Zamioculcas?

La Zamioculcas è una pianta che non richiede molta concimazione. Tuttavia,  se si desidera  stimolare la crescita e mantenere le sue foglie robuste e verdi, è consigliabile concimarla periodicamente durante la stagione di crescita. In particolare, durante la primavera e l’estate.

Fertilizzazione – quale concime utilizzare? 

E’ preferibile utilizzare un concime per piante grasse e succulente. Doctor Bioges consiglia, il fertilizzante Nutri-Cactacee in formulazione idrosolubile. Tale formulato oltre ad avere le giuste concentrazione di azoto, fosforo e potassio contiene anche Magnesio, micronutriente fondamentale, che contrastare  fenomeni di clorosi. Somministra regolarmente così come riportato sull’etichetta il fertilizzante, partire da marzo per poi essere sospesa in autunno ed inverno, quando la pianta va in riposo. Durante le stagioni fredde, infatti,  la crescita delle piante si ferma ed il loro apparato radicale non assorbe più acqua.  Si consiglia di rispettare le dosi e le modalità riportate sull’etichetta del prodotto. In particolare,  come già evidenziato, una sovra-fertilizzazione delle piante può causare foglie bruciate o gialle.

In conclusione…

Con le giuste cure e attenzioni, questa pianta può diventare un elemento decorativo prezioso per i nostri giardini e per ogni ambiente domestico, portando una nota di verde e freschezza alla nostra vita quotidiana. Prova a seguire i suggerimenti per la sua cura e concimazione.


 

Se hai domande o hai bisogno di ulteriori informazioni, il team di Bioges è sempre pronto ad assisterti. Puoi contattarci direttamente in chat, sui social network o inviando un’e-mail all’indirizzo info@bioges.it.


Resta sempre aggiornato con le nostre ultime news sul giardinaggio !

Può interessarti anche:

Piante grasse : come concimarle in primavera ?

Piante da interno, come curarle nel modo corretto?

Piante da appartamento-cura ed esposizione alla luce

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.